Tram Firenze

La metrotranvia di Firenze, la cui rete al momento è costituita dalla sola linea T1, è uno degli esempi più importanti di come offrire un servizio moderno ed efficiente per i pendolari. La linea che collega Firenze a Scan­dicci, lunga 7,4 km e con 14 ferma­te, è nata dalla vecchia rete di tram fiorentini che fino agli anni ’50 erano in funzione. La rete tranviaria attuale è frutto di un progetto che prevede l’istituzione di tre linee metrotranviarie che si allontanano dal centro in modo radiale in tutte le direzioni. I viaggiatori al giorno sono circa 30.000 e sono 13 milioni quelli annuali, il doppio rispetto ai 7 milioni di passeggeri stimati come obiettivo al momento dell’affidamento del servizio, su un percorso che, prima dell’arrivo della tramvia, era servito con linee di autobus che trasportavano circa 1 milione di persone l’anno. Le rilevazioni campionarie effettuate sull’utilizzo della tranvia in questi anni dicono che circa il 35/40% di chi utilizza oggi questo mezzo era solito spostarsi in auto o moto. Tutto ciò e’ stato possibile grazie anche alla frequenza delle corse (nei momenti di punta uno ogni 4 minuti) ed alla velocità di collega­mento, che permette di raggiungere il centro di Firenze da Scandicci in soli 23 minuti. Dal punto di vista ambientale si stimano ogni anno in 1.600 le tonnellate di CO2 che si sono ridotte. A partire da giugno 2013 è stato ammesso il trasporto di biciclette seppur con alcune limitazioni. L’accesso ai mezzi è permesso solo in certi orari nei giorni feriali, mentre nei giorni festivi non è presente alcuna limitazione oraria. Visti i numeri raggiunti è previsto un allungamento della linea dopo il capolinea di Scandicci, verso Ca­sellina e Pontignale, fino alla zona dove sorgerà in futuro un ipermercato nei pressi dell’uscita A1 Scandicci e dell’omonima uscita della superstrada FI-PI-LI. In corrispondenza del nuovo capolinea sarà realizzato, a carico del costruttore dell’ipermercato, un parcheggio scambiatore fruibile dalle vetture in uscita sia dalla A1 che dalla FI-PI-LI, nonché provenienti dalla viabili­tà ordinaria della zona. Un altro successo è stata la sperimentazione estiva dell’orario allungato del servizio della tramvia nel fine settimana che ha riscosso il gradimento degli utenti, soprattutto quelli più giovani. Nel 2015 il prolungamento di due ore nei giorni di venerdì e sabato avviato da Gest il 3 aprile su richiesta dei Comuni di Firenze e Scandicci, in cinque mesi ha sfiorato la quota dei 20.000 passeggeri. Dal 3 aprile al 5 settembre, infatti, i passeggeri trasportati sono stati poco meno di 19.900 con una media di circa 430 persone ogni notte.

Per quanto riguarda le linee 2 e 3 (Aeroporto-Stazione e Careggi-Stazione) è fissata per febbraio 2018 la fine dei lavori mentre la messa in esercizio reale è programmata per maggio-giugno, una volta che almeno due mesi di pre-esercizio saranno trascorsi per avere l’autorizzazione finale al trasporto passeggeri dal Ministero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *